Western

 

Idealizzazione del mito delle origini, racconto della fondazione leggendaria della Nazione e del viaggio verso un Ovest selvaggio da trasformare in luogo di civiltà democratica e libertaria. Affinché tale destino si compia, l'eroe western affronterà, in solitudine e in virtù del suo animo nobile, natura e disordine, incarnati di volta in volta nel pellerossa o nel fuorilegge.

Esempio di western classico, la sequenza dell'attacco degli Apache alla diligenza in Ombre rosse (Stagecoach, John Ford, 1939): spettacolarità resa da un camera capace di cogliere grandiosità e asperità dell'ambiente circostante. Le dinamiche che si creano tra i personaggi della diligenza rivelano un eroe positivo, incarnazione delle virtù americane, interpretato da John Wayne, e una visione moraleggiante, ma democratica, dell'esistenza tipica dei pionieri. 

 

Ombre rosse (J. FordStagecoach, Usa  1939)

umbraco.MacroEngines.DynamicXml


 

 

 

umbraco.MacroEngines.DynamicXml

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto questo almeno nel western classico, perché dal secondo dopoguerra emergerà un conflitto tragico: l'eroe ancora prode cavaliere, ma dalla personalità sempre più sfuggente, dalla solitudine molto più definita, che resta tale anche dopo il trionfo, senza che ci sia il reintegro nella società. Ciò che rimane negli anni '60 è l'evocazione nostalgica del West, gli eroi sono esserisradicati in attesa della morte,distanti dalla leggenda e pronti a scomparire nel crepuscolo del genere. Volontario esilio quello di Ethan Edward in Sentieri selvaggi (The Searchers, John Ford, 1956) e ritorno definitivo a un deserto al di fuori del tempo e della storia, lo stesso in cui il Tom Doniphon vive separato da tutti in L'uomo che uccise Liberty Valance (The Man Who Shot Liberty Valance, John Ford, 1961).

 

Sentieri selvaggi (The Searchers, John Ford, 1956)

Western

 

Liberty Valance (The Man Who Shot Liberty Valance, John Ford, 1961)

Western2

Nel deserto può mantenersi l'illusione che nulla sia cambiato, che si possa vivere nel tempo prima del progresso e della ferrovia. Metonimia del personaggio, metafora di questo Eden perduto ed emblema di nostalgia, i fiori di cactus amati da Hallie, coltivati da Tom e infine deposti sulla sua stessa bara.