Il pianista

(R. Polanski, The Pianist/Le pianiste, Gran Bretagna/Francia/Germania/ Polonia 2002)

Interpreti: Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Emilia Fox

Varsavia 1939-1944. Il pianista ebreo Wladyslaw Szpilman viene confinato nel ghetto con tutta la sua famiglia, e ben presto assiste alla deportazione e all'uccisione di amici e parenti. Sfuggito a un rastrellamento, Szpilmann riesce a uscire dal ghetto e a nascondersi grazie all'aiuto di colleghi non ebrei. Una violoncellista, con cui suonava quando la Polonia era ancora libera, lo affida alle cure di un tecnico della radio che lo sistema in un appartamento vuoto, da cui però è costretto a scappare in seguito alla delazione di una vicina. Szpilmann si rifugia prima in un ospedale e poi nella soffitta di una villa che crede abbandonata. In realtà, nei giorni della disfatta, quella villa diventa un quartier generale nazista. Un capitano tedesco lo scopre ma, dopo averlo sentito suonare il piano, decide di aiutarlo e lo protegge fino all'arrivo dei russi. La guerra è finita, Szpilmann è l'unico sopravvissuto della sua famiglia, e ricomincia a suonare per le trasmissioni radiofoniche.

Uno dei più intensi e morali film sulla Shoah, riflette sull'impossibilità di riappacificarsi con il proprio passato e non concede nulla allo spettacolo optando per un découpage classico di inquadrature mai gratuite o retoriche.

 

umbraco.MacroEngines.DynamicXml